Riordino delle Carriere – Deciderà il Tar ?

Il ricorso a cui hanno aderito un nutrito gruppo di militari ed agenti di polizia,  è stato notificato via pec alle amministrazioni resistenti lo scorso 20 settembre 2017. Lo studio legale Scafetta ha messo a disposizione degli utenti una pagina nel proprio portale . Clicca QUI

Il fascicolo contenente il ricorso notificato e tutti i documenti , sarà depositato al TAR del Lazio entro 30 giorni dalla notifica del ricorso stesso.La notizia è stata ripresa dal sito firenzepost.it. Va la riportiamo di seguito:

DI PAOLO PADOIN

ROMA – Un ricorso collettivo nazionale contro il Governo è stato depositato al Tar del Lazio da un gruppo di militari che chiede la revisione dei due decreti legislativi che a maggio scorso hanno disposto il riordino dei ruoli e delle carriere per le loro categorie.

I provvedimenti, spiega il legale Michela Scafetta che ha assistito i militari, sono stati realizzati in maniera maldestra, con un meccanismo che penalizza le categorie intermedie, quelle impegnate nelle vere attività operative con enormi responsabilità, e lede i loro diritti creando una sperequazione giuridica ed economica.

Da qui l’azione collettiva per chiedere la revisione dei decreti, dove, si legge nel ricorso, palese è la violazione dei principi di eguaglianza e buon andamento della pubblica amministrazione. Nei fatti, ancora una volta l’incomprensibile e dannoso corporativismo militare, ha impedito di procedere ad una vera riforma dal basso, ovvero alla reale unificazione organica che, però, rispettasse la specificità della gerarchia militare.

FONTE

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento