Taglio del “Cuneo Fiscale”: per i pensionati e i redditi bassi è una fregatura

di Antonio Pistillo

Gli 80 euro di Renzi vennero etichettati come una “mancetta” che non aumentò i
consumi interni e che produsse solo maggiore debito pubblico.

I circa 20 euro di aumento previsti con il taglio del cuneo fiscale, pertanto, possono definirsi una “presa in giro” per 12 milioni di lavoratori. ovvero quella fascia di reddito medio-basso che costituisce circa il 75% dei dipendenti ed in particolar modo delle lavoratrici in part time con redditi bassi.



Penalizzati gli incapienti, i pensionati ed i lavoratori autonomi esclusi dal cuneo fiscale, compreso il personale in ausiliaria che, contrariamente al comune convincimento, è a tutti gli
effetti un pensionato. Di seguito la tabella esplicativa degli aumenti previsti in base al reddito:





METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

loading…



Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione

Lascia un commento