Taglio del “Cuneo Fiscale”: per i pensionati e i redditi bassi è una fregatura

di Antonio Pistillo

Gli 80 euro di Renzi vennero etichettati come una “mancetta” che non aumentò i
consumi interni e che produsse solo maggiore debito pubblico.

I circa 20 euro di aumento previsti con il taglio del cuneo fiscale, pertanto, possono definirsi una “presa in giro” per 12 milioni di lavoratori. ovvero quella fascia di reddito medio-basso che costituisce circa il 75% dei dipendenti ed in particolar modo delle lavoratrici in part time con redditi bassi.



Penalizzati gli incapienti, i pensionati ed i lavoratori autonomi esclusi dal cuneo fiscale, compreso il personale in ausiliaria che, contrariamente al comune convincimento, è a tutti gli
effetti un pensionato. Di seguito la tabella esplicativa degli aumenti previsti in base al reddito:





METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

loading…



Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento