Srebrenica, Garavini (IV): “Monito contro nazionalismi. Europa unita argine alla violenza delle ideologie identitarie”

Roma, 10 lug. – “Venticinque anni fa, uno dei massacri civili più drammatici del Novecento. Le oltre 8mila persone deportate e uccise a Srebrenica dalle truppe serbo-bosniache l’11 luglio 1995 sono un monito ancora e soprattutto oggi.

Perché richiamano la coscienza collettiva al dovere di essere un argine contro nazionalismi e sovranismi. A contrastare quelle ideologie che interpretano il mondo come una contrapposizione di culture. L’Europa dimostra proprio che, invece, è l’unione tra culture a rendere forti i singoli Stati”.

“Pensare che atti così violenti siano qualcosa di ormai lontano è un’illusione. Il massacro di Srebrenica è avvenuto negli anni Novanta, in epoca moderna. Se non siamo sentinelle attente, se non siamo noi il primo argine a nazionalismi e ideologie che guardano al diverso come a un pericolo, guerre e violenze possono ripresentarsi.

Per questo, commemorando l’ultimo genocidio europeo, riscopriamo ancora una volta quanto sia importante difendere il grande traguardo rappresentato dall’unione tra i popoli in Europa”. Lo dichiara la Senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi.

Barbara Laurenzi
Ufficio stampa Sen.ce Laura Garavini

METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento