Come si addestrano i piloti dell’Aviazione Esercito

Di nuovo a Viterbo, a due passi dal FATS, ma in tutt’altro contesto. Qui c’è la scuola equipaggi dell’AVES, la specialità aerea dell’Esercito Italiano, nella pancia del CH47 del 5° Reggimento RIGEL di Casarsa della Delizia.Qui la mia “missione” non è finita: in Friuli, ho imparato come si addestrano i gunner dell’ A-129 “Mangusta”, adesso seguirò il training dei piloti dell’elicottero da attacco e degli operatori di Shadow 200, potente drone da ricognizione già impegnato in Afghanistan.

Reality combat Se ami la tecnologia Viterbo è il posto giusto per te. Due grandi cabine bianche che sembrano uscite da Guerre Stellari, “contengono” il simulatore di volo dell’ A-129, qualcosa di molto diverso dal puntatore digitale osservato al RIGEL, ma non meno interessante. Il casco è collegato a dei sensori che riproducono lo spazio operativo, quest’ultimo caricato e “proposto” al simulatore dalla contigua sala controllo.

Malgrado tecnologicamente meno evoluto del HMSS in dotazione ai piloti caccia, la realtà virtuale ricreata dalla simulazione supera ogni aspettativa: al di sotto delle cabine, infatti, un impianto meccanico registra e riproduce gli effetti della ricognizione aerea, le turbolenze e addirittura eventuali colpi sparati dalle forze ostili.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento