Sappe: non c’è un Direttore Generale dei detenuti dopo le dimissioni di Giulio Romano

GIUSTIZIA, SAPPE: “INCOMPRENSIBILE CHE NON SIA ANCORA STATO NOMINATO NUOVO DIRETTORE GENERALE DEI DETENUTI AL DAP DOPO LE DIMISSIONI DI GIULIO ROMANO”. VACANTE ANCHE L’INCARICO DI DIRETTORE DEL PERSONALE

Ferma protesta del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE per la mancata nomina di un nuovo Direttore Generale dei Detenuti e del Trattamento al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.
Spiega il Segretario Generale Donato Capece:

Dopo le polemiche sulle scarcerazioni durante il periodo del Covid-19 e le dimissioni di Giulio Romano, mi sembra assurdo che il
Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede non abbia ancora nominato un magistrato nell’incarico di Direttore generale dei detenuti e del trattamento. Ed altrettanto incomprensibile è la mancata nomina del Direttore della Direzione Generale del Personale, che produce ritardi e soprattutto l’assenza di un interlocutore in grado di dare risposte certe alle nostre richieste”.
 

E’ ferma la critica del SAPPE al Guardasigilli: “Bonafede è sempre più distante dalla ‘sua’ forza di Polizia, la Polizia Penitenziaria”, denuncia Capece. “Non ha speso una parola per i colleghi di S. Maria Capua Vetere, non ha speso una parola per stigmatizzare le continue violenze in danno dei poliziotti, non ha indicato una soluzione concreta per fermare questa spirale di violenza: anzi, sembra che le proposte per rivedere i circuiti e le norme dell’ordinamento penitenziario, a partire dalla vigilanza dinamica delle carceri che è alla base di tutta questa violenza inaccettabile, siano state abbandonate in qualche cassetto polveroso del Ministero.

Noi auspichiamo che venga nominato nell’incarico di Direttore generale dei detenuti e del trattamento un magistrato di alto profilo, così come è sempre stato in passato con Sebastiano Ardita o Giuseppe Falcone. Ma è grave che il Guardasigilli non abbia nominato il Direttore dell’ufficio della Direzione Generale del Personale che si occupi della Polizia Penitenziaria. C’è forse qualche veto politico?”.

Per il SAPPE “il personale di Polizia Penitenziaria è stanco di subire umiliazioni ogni giorno a causa di una amministrazione matrigna che non tiene affatto al benessere del personale”.

Roma, 10 luglio 2020

Dott. Donato CAPECE – segretario generale SAPPE +39

METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento