SALERNO, AVVOCATO TENTA DI INTRODURRE 10 TELEFONI CELLULARI E DROGA IN CARCERE: SCOPERTO E DENUNCIATO DALLA POLIZIA PENITENZIARIA

Un avvocato che si era recato nel carcere di Salerno per sostenere un colloquio con il cliente detenuto, è stato scoperto dalla Polizia Penitenziaria con droga e telefonini. Lo denuncia il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

8 smartphone e due micro-cellulari, più 1,5 grammi di cocaina e 4,6 di hascisc oltre a cavetti usb addosso all’avvocato che ha ceduto al suo detenuto ma è stato fermato dalla Polizia Penitenziaria in servizio”, denuncia Emilio Fattorello segretario nazionale SAPPE per la Campania. “Una situazione sconcertante, davvero assurda”.
Da Roma Donato CAPECE, segretario generale del SAPPE, aggiunge:

 Questi episodi, oltre a confermare il grado di maturità raggiunto e le elevate doti professionali del Personale di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Salerno, ci ricordano che il primo compito della Polizia Penitenziaria è e rimane quello di garantire la sicurezza dei luoghi di pena e impongono oggi più che mai una seria riflessione sul bilanciamento tra necessità di sicurezza e bisogno di trattamento dei detenuti.

Tutti possono immaginare quali e quante conseguenze avrebbe potuto causare l’introduzione di droga e telefoni cellulari in un carcere”.

Il SAPPE sottolinea infine le criticità del carcere campano di Salerno  ed evidenzia “quali e quanti disagi quotidiani caratterizza il lavoro quotidiano dei Baschi Azzurri di Salerno, a cui va il nostro sincero ringraziamento per quel che fanno ogni giorno per la sicurezza sociale“.

Roma, 24 agosto 2020

Dott. Donato CAPECE

METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento