PRATO, INCENDIO IN CARCERE: 7 AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA INTOSSICATI.

Si è sfiorata la tragedia, la notte scorsa, nel carcere di Prato.

Spiega Pasquale Salemme, segretario nazionale per la Toscana del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo della Categoria: 

“Questa notte, intorno all’una, un detenuto italiano ristretto nella Terza sezione, in evidente stato di ebrezza ha dapprima dato fuoco alla zanzariera posta sul blindato della cella, e successivamente incendiato il materasso del letto.

l’Agente di servizio sul piano intervenuto tempestivamente ha dato l’allarme e sono sopraggiunti altri colleghi in supporto. Le conseguenze sono state 7 Agenti in ospedale, tra intossicati e contusi, il più grave degli Agenti con 30 giorni di prognosi.

Il SAPPE ribadisce ancora una volta che l’attuale situazione in cui versa la Casa Circondariale è preoccupante e indispensabile appare un intervento dei competenti uffici dipartimentali atto a ristabilire un clima di serenità tra gli operatori scomparso da tempo”.

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, evidenzia come nel carcere di Prato si siano vissuti “momenti di grande tensione e pericolo, gestiti con grande coraggio e professionalità dai poliziotti penitenziari, coordinati al meglio dall’Ispettore di servizio e dal Comandante. Poteva essere una tragedia, sventata dal tempestivo intervento dei poliziotti penitenziari di servizio nel Reparto e dal successivo impiego degli altri poliziotti penitenziari in servizio nel carcere.

Quanto accaduto nel carcere di Prato è sintomatico del fatto che le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti, ma è evidente che l’Amministrazione Penitenziaria deve trovare serie e urgenti soluzioni alla grave situazione riferita all’organico del Reparto di Polizia Penitenziaria del carcere di Prato”.

Roma, 12 settembre 2020
Dott. Donato CAPECE – segretario generale SAPPE
METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento