Multa non gradita. Diverbio tra un carabiniere e due finanzieri. Si finisce in tribunale

http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snpen&id=./20191224/snpen@s10@a2019@n51970@tS.clean.pdf

É costata cara la reazione incontrollata al carabiniere che ha avuto un diverbio con una pattuglia della Guardia di Finanza.

Il militare in servizio a Pescara, aveva parcheggiato la propria auto privata in una zona riservata ai portatori handicap ed è stato notato dai due finanzieri in servizio di controllo automontato del territorio.

Quando uno dei due gli ha chiesto i documenti, il brigadiere ha iniziato a inveire frasi ingiuriose nei loro confronti:



“Voi, invece di fare gli splendidi qui, davanti al bar, o prendere il caffè, perché non andate a lavorare come faccio io adesso?.. .Prendetemi la targa…fatemi pure la fotografia alla targa e fatemi la multa…poi portatemela in via D’Annunzio, che io sto andando a lavorare…non come voi che
state qui a non fare niente! Andate a lavorare! Dovete andare a lavorare invece di stare qui a
non fare niente! Vergognatevi! Vergognatevi!”;

Il  giorno seguente, probabilmente ancora in preda alla collera, il carabiniere ha contattato telefonicamente uno dei due finanzieri, rivolgendogli ancora parole ingiuriose e minatorie, del seguente tenore testuale :

“avete finito di rompere i coglioni con le vostre cagate? Voi non avete nessun diritto di fare le notifiche e di andare a casa della gente a rompere le scatole! Se continuate, vengo dal vostro comandante di Compagnia, gli racconto tutto e vi faccio passare un brutto quarto d’ora”.



L’ insolito ed ingiustificabile comportamento però gli è costato una richiesta di rinvio a giudizio dinanzi al Tribunale militare di Roma «in ordine al reato continuato di violenza, minaccia e ingiuria a un inferiore (artt. 173, 195 in relazione 4’arth,43, 196 co.I e II,c.p.m.p.; 81 cpv. c.p.)

Sul caso , il tribunale ordinario  di Pescara ha chiesto il parere della Corte di cassazione, poiché il militare è stato condannato in primo grado, rispettivamente, dal giudice ordinario per il reato di cui agli artt. 266 e 336 cod. pen., e dal giudice militare per il reato di cui all’art. 146 cod. pen. mil . pace.

La Corte di Cassazione, come già più volte sostenuto, ha ribadito che fra reati comuni e reati militari, la connessione di procedimenti opera soltanto quando il reato comune è più grave di quello militare,  e che “in tale caso, la competenza per tutti i reati è del giudice ordinario. In ragione della maggiore gravità del reato contestato al brigadiere dell’Arma nel giudizio ordinario , la Corte di Cassazione ha dichiarato la giurisdizione del Giudice ordinario.





METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

loading…



Loading…


Loading…


Loading…

 

 

Condivisione

Lascia un commento