Morto di Covid il Colonnello Macedo. Fu uno dei militari che pose fine alla dittatura in Portogallo con un colpo di stato.

Ucciso dal Covid  il colonnello Luís Macedo, membro di punta del gruppo di ufficiali dell’esercito portoghese che ideò e organizzò la rivoluzione dell’aprile 1974.

“La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché faccio parte della razza umana.  Quindi non chiedere per chi suonano le campane; raddoppiano per te. “
John Donne

Vittima del covid-19, il colonnello Luís Macedo è morto sabato scorso, 14 novembre, all’età di 73 anni . Nelle classifiche con cui si aprono quotidianamente i notiziari televisivi, è solo uno degli oltre tremila morti registrati in Portogallo nei giorni scorsi. Ma la morte di Macedo rappresenta per i portoghesi la perdita di un uomo che gli ha garantito la democrazia e ancora oggi viene considerato un eroe nazionale.

Paradossalmente Luís Macedo è morto in un ospedale di Maputo, nella stessa società di costruzione di ponti e strade in cui ha lavorato per anni. 

Luís Macedo era allora capitano d’ingegneria alla RE1, a Pontinha, e, dalla fine del 1973, fu coinvolto “con il cuore e con l’anima”, nella congiura per rovesciare il Regime e porre fine a una guerra che si  trascinava ormai da 13 anni, ostinatamente mantenuta da Salazar e Caetano, ponendo fine alla violenta repressione morale e fisica sia nello stesso Portogallo che nelle sue colonie.

Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)

Loading…






FONTE MILANO FINANZA

Condivisione

Lascia un commento