Missili ipersonici, le armi di Putin e i programmi del Pentagono

NSM è anche su TELEGRAM . Per saperne di più,  clicca QUI

Se sul volo ipersonico si gioca una partita decisiva del confronto tra potenze, al momento la sta vincendo Mosca. Mentre Putin mostrava al mondo il nuovo missile capace di volare a dieci volte la velocità del suono, un alto funzionario del Pentagono denunciava l’insufficienza dei fondi destinati alla ricerca nel campo.

IL “PUGNALE” DEL CREMLINO

A inizio mese, durante l’annuale discorso alle Camere, Putin aveva ricordato al mondo che la Russia resta “una potenza nucleare”, e lo aveva fatto mostrando i video delle nuovissime armi a disposizione del Cremlino. Tra queste, anche il Kinzhal (letteralmente, pugnale), un missile da crociera aria-superificie ipersonico, capace cioè di volare “dieci volte più velocemente del suono”, ma anche di mantenere “manovrabilità durante tutto il volo”. Per rendere l’idea, ciò vuol dire riuscire a decidere con precisione la traiettoria di un proiettile di circa otto metri che viaggia a oltre 3.400 metri al secondo. Con queste caratteristiche, il missile sarebbe in grado di superare tutte le difese aeree esistenti e future, trasportando testate convenzionali e nucleare in un range di oltre duemila chilometri. Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento