Ministero della Salute: precedenza tamponi per militari e familiari, ma poi ci ripensa

La circolare del Ministero della Salute con protocollo 9480 dello scorso 19 marzo a firma del Direttore Claudio D’Amario,  al  fine di garantire la prontezza operativa, autorizzava l’effettuazione dei tamponi, in un tempo massimo di 36 ore, a tutto il personale militare impiegato in Patria e in zone di operazioni .

POTREBBE INTERESSARTI: COVID19. iL VIRUS CHE MIETE SPEREQUAZIONI.ECCO COME TI MANDO IN LICENZA. DIRETTIVA SMD 20 MARZO 2020

Il 20 marzo , una nuova circolare ha annullato e sostituito quella del 19 marzo ed il passo che interessava i militari è misteriosamente scomparso.

Nelle due circolari ( molto simili), viene anche spiegato il decorso dell’infezione. Il virus è stato identificato in campioni del tratto respiratorio 1-2 giorni prima della comparsa dei sintomi e può persistere per 7-12 giorni nei casi moderati e fino a 2 settimane nei casi gravi.



L’agente infettivo si trasmette in maniera significativa solamente durante la fase sintomatica. È comunque ragionevole ritenere che la carica virale presente nei soggetti asintomatici sia marcatamente inferiore rispetto a quella presente nei secreti dei soggetti con sintomatologia pienamente espressa. Il contributo apportato da potenziali casi asintomatici nella diffusione epidemica appare limitato”.

POTREBBE INTERESSARTI: MILITARE SPAGNOLO DI 38 ANNI UCCISO DAL CORONAVIRUS.NON AVEVA ALTRE PATOLOGIE

La circolare del 19 marzo autorizzava i laboratori autorizzati ad effettuare il tampone ai militari, anche in assenza di evidenze cliniche. Si ribadisce – si leggeva nel testo – che nei laboratori autorizzati per le analisi dei tamponi, la presentazione di campioni afferenti a personale militare ed a esso congiunto (anche in assenza di evidenze cliniche), dovrà ottenere priorità e la comunicazione del risultato dovrà avvenire in un arco di tempo massimo di 36 ore.↓



L’effettuazione delle analisi anche in assenza di evidenze cliniche – concludeva la circolare – è determinata dalla necessità di garantire la prontezza operativa delle Unità dispiegate in Patria e in zona di operazioni.

Nella successiva Circolare del 20 marzo 2020,  il passo che autorizzava i militari al tampone era misteriosamente scomparso . Di seguito le due circolari:
versione integrale circolare 19 MARZO 2020

versione integrale circolare 20 MARZO 2020

METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…


Condivisione

Lascia un commento