“Mi manca il fiato”, ma si rifiuta di andare in ospedale. Maresciallo in pensione trovato morto

Un maresciallo dell’Esercito italiano in pensione da qualche anno, è morto in circostanze riconducibili all’infezione da coronavirus.

L’uomo nei gironi scorsi  aveva lamentato febbricola e difficoltà nella respirazione, ma si era rifiutato di andare in pronto soccorso. Tale decisione però potrebbe essergli  costata la vita.↓

Alfio Musumeci Giuffrida, 64 anni, una carriera nell’Esercito italiano, prima nella caserma Zappalà e poi al Comando Brigata Ariete di Pordenone, era molto conosciuto e stimato ad Aviano, città nella quale viveva. L’ex militare aveva prenotato il  tampone ed era in attesa di convocazione. 

Al momento  non viene escluso che possa trattarsi anche di un infarto o comunque di un malore non riconducibile al coronavirus. Sono in corso gli accertamenti per determinare quale sia stata l’ effettiva causa del decesso, anche se la sintomatologia lamentata lascerebbe pensare ad una infezione da covid.


Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)

Loading…






Condivisione

Lascia un commento