Il maresciallo dell’ Esercito contro la norma sull’impunità dei vertici – Video –

Un video diventato  virale nei social, sta facendo discutere ancora sulla proposta di una norma che tuteli i vertici o i comandanti sul personale che si  ammala di covid19 per “ordini coscientemente errati”.

QUesto messaggio è rivolto ai Vertici militari, alla Commissione Difesa e al suo Presidente Gianluca Rizzo,e alla politica tutta.

Questo in funzione del fatto che proprio nel momento del massimo sforzo messo in campo dagli uomini e dalle donne del Comparto Difesa e Sicurezza, ovvero nel momento di massima distrazione sociale, è stata presentata una proposta di legge finalizzata a creare un’impunità nei confronti di quei Vertici o Comandanti rei di aver causato il contagio al loro personale a causa di ordini coscientemente errati, ovvero ad una mancata tutela della salute dello stesso.



A tale proposta nessun vertice militare si è opposto o ha avuto qualcosa da obiettare.
Se tale proposta fosse ratificata, ogni comandante o dirigente potrebbe liberamente e serenamente emanare ordini in totale violazione delle norme sulla prevenzione dei contagi, quindi, causare con tale razionale comportamento il contagio da virus Covid-19 al proprio personale, senza pagarne le conseguenze.

Non mi sembra un buon modo di tutelare il proprio personale, nemmeno di motivarlo verso il delicato e pericoloso servizio al quale voi stessi lo state comandando, tanto meno di evidenziare i  due valori intrinsechi nell’ uniforme che indossiamo o nel ruolo istituzionale che rivestite, quale, senso dello Stato, onore, cameratismo, solidarietà e lealtà.



Il virus non conosce confini, Stati, lingue, sesso, sovranità o religioni.

Infetta tutti, senza rispetto per ruoli o gerarchie.
E di questo noi militari ne siamo ben coscienti, visto che molti dei nostri vertici si sono ammalati.
Ovviamente a loro, come a tutti gli altri cittadini, rivolgiamo i nostri auguri di pronta guarigione.

Ma questa loro condizione gli sta permettendo di vivere sulla pelle cosa voglia dire essere “uno dei tanti” “uno tra i tanti”.↓




Questo perché stanno vivendo le stesse angosce e paure del proprio personale, ma privi di tutti quei privilegi solitamente garantiti dal loro grado o ruolo.Da questa situazione di sofferenza e di pericolo, i nostri vertici ancora troppo sordi verso le reali sofferenze e necessità del proprio personale, potrebbero finalmente capire che TUTTI devono pensare al proprio compagno prima ancora che a sè stessi, indifferentemente dal grado rivestito dall’ incarico ricoperto.

Poiché, sul campo di battaglia, lontani dalle comode scrivanie e dai solerti e disinteressati collaboratori, l’ultimo soldato in fondo a destra, prima o poi, potrebbe essere quello che vi salverà la vita.”

Carissimi comandanti e politici,
“Quello che conta nel nostro ambiente, non è la forza di chi inneggia al combattimento in tempo di pace e lontano dalle trincee, per noi è vitale la lealtà e il coraggio di chi ci sta al fianco sul campo di battaglia nel momento dello scontro”.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…


Condivisione

Lascia un commento