GLI EUROFIGHTER ITALIANI CONTROLLERANNO I CIELI DELLA BULGARIA. CONTINUA «L’ANNO PIÙ IMPEGNATIVO» DEL TYPHOON

Dal 15 luglio fino al 15 ottobre 2017 quattro Eurofighter Typhoon dell’Aeronautica Militare Italiana (AMI) saranno impegnati in Bulgaria per controllare i cieli del Paese, confine sudorientale della NATO. Prosegue quindi «l’anno più impegnativo» del caccia, che nel corso del 2017 ha raggiunto importanti traguardi operativi e industriali.

Come ha reso noto il governo di Sofia il 21 giugno, i quattro Eurofighter italiani opereranno nel Paese all’interno del programma NATO finalizzato alla difesa dei membri dell’alleanza.

In particolare, i caccia e 110 addetti saranno di stanza presso la base aerea di Graf Ignatievo, non lontano dalla città di Filippopoli (Plovdiv in bulgaro) e avranno il compito di intercettare e identificare le eventuali minacce aeree.

Per il Typhoon un 2017 ricco di impegni

La missione bulgara dei Typhoon italiana dà seguito dunque «all’anno più impegnativo» dell’intero programma, così come è stato definito il 2017 dal consorzio Eurofighter nel corso di una conferenza stampa al Paris Air Show appena conclusosi a Le Bourget.

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento