Generale Angioni – “Perso troppo tempo Interveniamo subito”

Abbiamo sottovalutato l’Isis

«Intervenire in Libia? È indispensabile e abbiamo aspettato anche troppo, pensando che l’Isis fosse un fuoco di paglia. E sbagliando. Ma, per farlo, bisogna che ci sia un governo riconosciuto e accettato da tutti i libici». Parola di «Condor», come lo aveva battezzato Oriana Fallaci nel suo «Insciallah». L’ex generale Franco Angioni, mitico comandante del contingente italiano a Beirut nel 1983, premette tuttavia che una missione militare deve avere almeno due prerequisiti.

 Quali, generale?

«Il primo è che la Libia diventi un Paese con un governo autonomo e stabile. Il secondo, che si formi una coalizione per eliminare il nemico comune: l’Isis».

 La prima condizione sembra ancora difficile da ottenere…

«Sì, ma è necessario che la Libia, che abbia un solo governo o tre, si inserisca nel contesto internazionale e diventi un interlocutore valido. Se i libici non trovano un accordo, dovranno gestire la patata bollente in loco».

 Ma sarebbe anche un nostro problema. Oltre per l’avanzata del Califfato, l’Europa è molto preoccupata per l’emergenza immigrazione. Come frenare le partenze di migranti dalla Libia?

«L’immigrazione non è un problema libico, non sono i libici a venire in Europa e, se i migranti non passassero da lì, passerebbero dalle rotte a Est, dai Balcani, come già avviene».

L’Italia potrebbe intervenire unilateralmente?

«No. Non può farlo da sola, perché non è attuabile politicamente. E poi siamo nell’Ue, facciamo parte dell’Onu e della Nato, non possiamo prendere iniziative solitarie. L’obiettivo è l’eliminazione dei jihadisti e questo si può fare unicamente con il sostegno dei libici, quindi si deve realizzare il primo presupposto di cui parlavo».

 Abbiamo lasciato che Daesh-Isis si rinforzasse. Un errore grave?

«Sì. È stato consentito a Daesh di diventare una forza militare di una certa consistenza. Se non interveniamo, il male si diffonderà e l’Isis troverà altri adepti. Abbiamo atteso fin troppo, pensando che la fiammata si sarebbe estinta da sola. Invece, il fronte del fuoco si allarga, dilaga e sembra non arrestarsi. E poi è l’Occidente che ha provocato la nascita dello Stato islamico».

Leggi l’articolo completo QUI

Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento