Covid19: muore Assistente Capo della Polizia Penitenziaria. Aveva 48 anni

L’epidemia continua a mietere vittime anche tra coloro che non lamentavano patologie pregresse. Questa volta il virus si è accanito contro un poliziotto penitenziario di  soli 48 anni.

L’agente aveva avvertito i sintomi della malattia lo scorso 9 marzo, ma quella che sembrava una banale influenza è andata via via peggiorando fino a rendere necessario il ricovero. Purtroppo Nazareno ha perso  la sua battaglia lo scorso giovedì , mentre era ricoverato nell’ospedale Humanitas di Rozzano. Durante il ricovero aveva rassicurato i colleghi sulle sue condizioni, ma il virus non gli ha lasciato scampo.



Svolgeva il  proprio incarico presso  il Nucleo Provinciale Traduzioni e Piantonamenti e lavorava nella casa circondariale di Opera . Lascia la moglie e due figli. Nel 2014 era stato premiato con medaglia di bronzo al servizio.

La Polizia Penitenziaria ha perso già due uomini. Lo scorso 19 marzo era morto un altro agente a soli 51 anni. Non si comprende quale sia il numero degli uomini in forza al Comparto Sicurezza e Difesa rimasti contagiati dal virus, così come non si conosce il numero dei militari e dei poliziotti ricoverati in terapia intensiva.






METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…


Condivisione

Lascia un commento