Covid-19. Maresciallo lascia ospedale dopo quasi tre mesi. Per trenta giorni è stato in coma.

Ha perso venticinque chili Giovanni Galletta, Luogotenente Qualifica Speciale dei carabinieri e Comandante di Stazione di Voghera. La sua guarigione è stata lunghissima, ma finalmente ce l’ha fatta a superare la fase più pericolosa.

Il maresciallo Galletta, 51 anni, si era ammalato di covid-19 a inizio marzo. Le sue condizioni si erano aggravate al punto che per trenta giorni è stato in coma, sospeso tra la vita e la morte. Un polmone collassato, che,  con grande stupore dei medici, improvvisamente ha ripreso ha funzionare .



Il Luogotenente, intervistato da “La Provincia Pavese”, ha dichiarato di voler tornare finalmente a casa e al lavoro . Un piccolo miracolo? «Ma no – si è schernito al telefono con un conoscente – è grazie al sassofono  che mi sono fatto i polmoni così resistenti…».

Galletta dovrà seguire una lunga e faticosa riabilitazione . Ci vorrà ancora qualche mese prima che possa ristabilirsi del tutto. Verrà trasferito in una struttura riabilitativa e per un pò non potrà ancora riabbracciare i suoi cari, ma  finalmente potrà lasciare l’ospedale di Pavia, dove i dottori lo hanno accudito e curato dal giorno in cui era arrivato dall’ospedale di Voghera in condizioni molto serie.

«E’ che quello che dai torna indietro – ha detto a un conoscente –, se ti comporti bene con gli amici e con i nemici, se fai del bene e sei corretto, poi questo è i risultato. Io non sono bigotto, ma credo che le tante persone che hanno pregato per me abbiano creato una piccola corsia preferenziale perché mi arrivasse un aiuto dall’alto».

I migliori auguri di una pronta guarigione dalla nostra redazione.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento