Covid-19: approvato emendamento per esenzione dal servizio in caso di contagio a firma del Senatore Mininno

Dopo l’intervento in Senato dello scorso 24 settembre sulla sindacalizzazione dei militari, il Senatore Mininno ha proposto ed ottenuto l’approvazione su un emendamento volto a risolvere le problematiche afferenti al personale appartenente al Comparto Sicurezza e Difesa affetto da covi-19.

La notizia è stata resa nota dallo stesso  senatore pentastellato sulla propria pagina facebook:

In Commissione Bilancio in #Senato è stato approvato un emendamento a mia prima firma al ddl n.1925 (conversione in legge del cd. #DecretoAgosto ), che proroga i termini di talune disposizioni scadute il 31 luglio scorso, ma necessarie ad assicurare la funzionalità delle #ForzeArmate, delle #ForzeDiPolizia e del Corpo nazionale dei #VigiliDelFuoco nella delicata congiuntura connessa allo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19.

L’emendamento consentirà:

– di estendere fino al 15 ottobre 2020 la possibilità di dispensare temporaneamente il personale dalla presenza in servizio, anche ai soli fini precauzionali. In caso, invece, di assenza per malattia o quarantena, di collocare d’ufficio tale personale in licenza straordinaria, in congedo straordinario o in malattia, con esclusione della computabilità di tali giorni di assenza dal tetto massimo dei 45 giorni di licenza straordinaria.

Quest’ultima possibilità è necessaria, per esempio, per il personale impiegato in missioni all’estero, nei confronti del quale, in partenza e al rientro in Patria, viene disposto d’ufficio l’isolamento fiduciario di 14 giorni. Si evita così di penalizzare il personale sul piano dello stato giuridico, delle procedure di avanzamento e del trattamento economico, evitando il transito in aspettativa in caso di superamento dei 45 giorni annui di licenza straordinaria;

– la facoltà, qualora necessario al fine di prevenire possibili fenomeni di diffusione del contagio, di prevedere, fino a fine emergenza e comunque non oltre il 31 dicembre 2021, iter concorsuali semplificati;

– la facoltà, fino a fine emergenza e comunque non oltre il 31 dicembre 2021, qualora necessario, di adottare, previa intesa con gli atenei interessati, provvedimenti volti a rimodulare la durata dei corsi di formazione, la sospensione degli stessi, il rinvio ad altra data;

– di trattenere in servizio fino al 15 ottobre 2020, anche in deroga ai limiti previsti dalle disposizioni vigenti sul collocamento in quiescenza, il personale del ruolo dei medici e del settore sanitario della #PoliziaDiStato.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione

Lascia un commento