Contratto Statali: Forze dell’Ordine, Scuola e Sanità, il rinnovo non è facile

Norme anti precari, contro gli abusi e regole severe per contrastare il fenomeno dell’assenteismo ma anche e soprattutto adeguamento degli stipendi alla sentenza della Consulta e quindi all’inflazione. Il nuovo contratto dei lavoratori statali è ormai pronto, in attesa che la parte finanziaria del documento venga vidimata dalla Ragioneria dello Stato e dalla Corte dei Conti.

I sindacati hanno raggiunto l’intesa con l’Aran, l’agenzia che rappresenta il Governo al tavolo del negoziato. L’accordo è relativo solo al comparto della funzione centrale, le agenzie fiscali e tutti i ministeri, in totale 240mila lavoratori circa. L’organico complessivo dei dipendenti pubblici invece consta di oltre 3 milioni di lavoratori ed è evidente che adesso ci si aspetta il rinnovo anche nei tre comparti più grandi, Sanità, Scuola e #forze armate e di Polizia.

Ciò che sembrava pura formalità, cioè l’estendere a tutto il resto dei lavoratori dello Stato quanto stabilito per i dipendenti ministeriali, nelle ultime ore non sembra così certo. Ecco il punto della situazione dopo l’incontro tra Aran e sindacati del comparto scuola di ieri come riportato da una attenta analisi del “Corriere della Sera”. Leggi tutto, clicca QUI     –

Da alcuni giorni NonSoloMarescialli è su canale Telegram. Per poter fruire delle notizie in tempo reale sul tuo smartphone, non devi fare altro che scaricare l’ App “Telegram”  completamente gratuita dal tuo Store (clicca QUI per Android – clicca QUI per Ios) cerca nonsolomarescialli ed aggiungiti. Se hai già Telegram, clicca  QUI

Condivisione

Lascia un commento