Contagiati due militari dell’Aeronautica. SIAM: si applichi la quarantena

Con l’ Aeronautica Militare si chiude il  cerchio. Tutte le ffaa sono rimaste contagiate dal covid19. Esercito, Marina e carabinieri avevano già dovuto fare i conti con il coronavirus. Molti i militari positivi al tampone. Un Tenente Colonnello dell’Esercito Italiano addirittura era deceduto dopo una crisi respiratoria.

Il virus dopo aver colpito tutti, compresa la Guardia di  Finanza, la Polizia di Stato e la Polizia Penitenziaria, non ha risparmiato neanche l’Aeronautica Militare. 

DUE MILITARI CON CORONAVIRUS A SIGONELLA: IL SIAM CHIEDE LA QUARANTENA 
 



Il Sindacato Aeronautica Militare (SIAM) denuncia casi accertati di Coronavirus nel reparto dell’Aeronautica Militare di Sigonella in Sicilia. Sono stati trovati positivi al tampone del COVID-19 due militari dell’11° Reparto Manutenzione Velivoli. Il primo, il Maresciallo S.A. si trova attualmente ricoverato in ospedale mentre P.P. è un portatore asintomatico.

A far temere che presso l’Aeroporto di Sigonella possa esserci un potenziale focolaio di COVID vi è il fatto che esistono altri due casi particolari. Il primo è riferito ad un dipendente civile che il 28 febbraio scorso è andato in pensione per poi scoprire giorni dopo di essere positivo al tampone, il secondo riguarda un altro dipendente civile presente in servizio fino al giorno 11 c.m. il cui genitore è risultato contagiato dal virus.

A destare la preoccupazione del SIAM è il fatto che all’interno dell’Aeroporto militare di Sigonella, oltre all’11° RMV sono co-ubicati altri reparti militari come il 41° Stormo, il Comando Aeroporto, il 61° Gruppo volo di aerei a pilotaggio remoto e l’ Alliance Ground Surveillance della NATO (AGS) con presenza di personale molto elevata e che, nonostante l’emergenza in atto, non hanno subito riduzioni dell’orario di servizio o la sua rimodulazione per evitare maggiori presenze, specialmente nelle aree comuni.



Il SIAM considera questa situazione grave e potenzialmente pericolosa poiché i due militari positivi al COVID sono stati costantemente in contatto con gli uffici e le sale di lavoro ed hanno frequentato l’affollata mensa di Sigonella che verrà irragionevolmente riaperta dopo soli due giorni di chiusura.

Il SIAM chiede al Ministro della Difesa Guerini di valutare la quarantena per tutto il personale dell’Aeroporto di Sigonella entrato in contatto con i due militari contagiati e ogni altra misura precauzionale di salvaguardia per il personale come visite mediche mirate, smart working, dotazioni di protezione individuale, che ancora mancano , nonché la chiusura della mensa e una rimodulazione dell’orario di servizio in analogia ad altri reparti dell’Aeronautica che hanno già messo in atto alcune di queste precauzioni. 

Il Sindacato Aeronautica Militare






METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…


Condivisione

Lascia un commento