Concorso interno per grado di primo maresciallo Esercito e Aeronautica . Interrogazione Parlamentare

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/print/18/Sindisp/0/1142108/0?fbclid=IwAR1OXTC-25g97zbO2gE3a_cbS5Z0DK0Yie2nHGG2euBTGVPzb5REmeXX6TQ

Nel bando in questione qualcosa non quadra e puntuale arriva l’interrogazione parlamentare.

Legislatura 18 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-02821

Atto n. 4-02821

Pubblicato il 30 gennaio 2020, nella seduta n. 186

MININNO , CASTIELLO , DI MICCO , DONNO , MORRA , ORTIS , ROMANO – Al Ministro della difesa. -Premesso che:

fino al 6 luglio 2017 l’articolo 1277 del Codice dell’ordinamento militare, di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, prevedeva che l’avanzamento al grado di primo maresciallo avvenisse a scelta e a scelta per esami;




l’art. 4, comma 1, lettera m) del decreto legislativo 29 maggio 2017, n. 94, ha abrogato, a decorrere dal 7 luglio 2017, la forma di avanzamento a scelta per esami;

in data 30 gennaio 2020 sono stati pubblicati sul Giornale ufficiale della Difesa il decreto dirigenziale 17 gennaio 2020 – Bando del 21° concorso interno, per titoli di servizio ed esami, per l’avanzamento al grado di primo maresciallo dell’Esercito e il decreto dirigenziale 17 gennaio 2020 – Bando del 21° concorso interno, per titoli di servizio ed esami, per l’avanzamento al grado di primo maresciallo dell’Aeronautica militare;

detti concorsi sono riservati ai marescialli capo dell’Esercito e ai marescialli 1ª classe dell’Aeronautica militare, che abbiano almeno quattro anni di permanenza nel grado alla data del 1° gennaio 2016;

i vincitori dei citati concorsi saranno promossi primi marescialli con decorrenza 1° gennaio 2016;

tali concorsi sono stati banditi in ritardo rispetto alle corrispondenti aliquote di avanzamento a scelta al grado di 1° maresciallo;




conseguentemente risultano ingiustamente esclusi dai concorsi i militari che, pur ricoprendo il grado di maresciallo capo/maresciallo di 1ª classe alla data del 1° gennaio 2016 e avendo, a tale data, una anzianità di almeno quattro anni nel grado, sono stati promossi al grado di primo maresciallo in data successiva;

tale sperequazione non inciderà esclusivamente sulla decorrenza del grado di primo maresciallo, ma, alla luce delle disposizioni transitorie per i ruoli dei marescialli contenute nel recente provvedimento in materia di riordino dei ruoli e delle carriere, avrà effetti non trascurabili sull’avanzamento al successivo grado di luogotenente, dal momento che per i primi marescialli con decorrenza 2016 è previsto l’avanzamento al grado successivo ad anzianità con una permanenza minima di quattro anni, mentre per quelli con decorrenza dal 1° luglio 2017 è previsto l’avanzamento a scelta con una permanenza minima nel grado di sei anni;

tale penalizzazione, oltre a ripercuotersi inevitabilmente sul morale del personale coinvolto, traducendosi in un comprensibile calo motivazionale, genererà a parere degli interroganti un notevole contenzioso,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo, alla luce di quanto rappresentato, intenda procedere, in autotutela, all’annullamento dei citati concorsi e bandirli nuovamente prevedendo la possibilità di partecipazione a tutti i militari, che alla data del 1° gennaio 2016 possedevano i requisiti, compresi i marescialli capo/ marescialli 1ª classe promossi primi marescialli in data successiva.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…


Loading…

Loading…

Condivisione

Lascia un commento