Cocer Ruolo Marescialli: nota esplicativa sui correttivi al Riordino delle Carriere

Nota al personale del ruolo marescialli del Comparto Difesa in merito alla BOZZA DEI CORRETTIVI AL RIORDINO DELLE CARRIERE
(approvata da SMD in fase di valutazione dagli organi preposti)

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA
Consiglio Centrale di Rappresentanza Comparto Difesa
Ruolo Marescialli
———-=====ooOoo=====———-

Buongiorno a tutti i colleghi.
Corre l’obbligo fare un riassunto di quanto abbiamo appreso ieri durante l’incontro con SMD in merito ai correttivi al riordino delle carriere. Poiché stanno girando molte informazioni, tantissime errate, quindi vi abbiamo preparato, estremizzando le informazioni di massima, ciò che ci è stato illustrato.

Partendo dalle proposte dal ruolo marescialli, inviate con la delibera allo SMD sul correttivo al riordino delle carriere, di cui in allegato.
Oltre a quanto chiesto con la delibera, con l’avanzamento dei lavori dei tavoli tecnici, sono state ribadite quelle già rappresentate, inoltre integrate con i sotto elencati argomenti:

– Istituire e strutturare un Assegno direttivo (in considerazione che con il decreto 94 del 2017 prevede le funzioni direttive);

– Ridurre la forbice stipendiale tra il ruolo Marescialli e quella della categoria Ufficiali;

– Eliminare nel transitorio il limite del 2022 per la promozione ad anzianità al grado di
luogotenente per i primi marescialli, estenderlo a regime;

– Prevedere l’introduzione di un ruolo speciale dove inquadrare il personale proveniente da
concorsi straordinari.



– Innalzamento dei limiti di età a 50 anni per i concorsi RS, riconoscimento di punteggio
incrementale per gli idonei del concorso appena concluso, cambio delle norme procedurali
concorsuali per quanto concerne i costi da sostenere, tipo vitto e alloggio ad aggregazione;

– Valorizzazione e agevolazione dei marescialli, cosiddetto nuovo iter, nei concorsi straordinari per il passaggio ad eventuale ruolo tecnico ufficiali, motivato dal fatto che abbiamo introdotto circa 2000 marescialli con concorso 958;

– Aumento dei posti nel Concorso straordinario riservato ai gradi apicali, già riconosciuto nel
riordino delle carriere allo scopo di bilanciare il ruolo, in virtù della Legge 244 del 2012;

– Riconoscere 1 anno di anzianità ai marescialli frequentatori dei corsi regolari triennali per
evitare uno scavalcamento con i marescialli provenienti dal concorso straordinario 958;

– riconoscimento della cassa sottufficiali al personale che perdendo l’idoneità al S.M.I., transita
nel ruolo civile.

– Riduzione corso di formazione per concorso interno da sei mesi a tre mesi per il personale
vincitore dei concorsi interni per ruolo Ufficiali;

Preso atto di quanto chiesto, sostenuto ed argomentato con fatti ed atti concreti, riconosciuti validi dall’interlocutore, in tutte le sedi dove ci hanno uditi

Allo stato dell’arte, in data 25 c.m. lo SMD ci ha presentato un documento di sintesi come sotto riportato:

Nel dettaglio i correttivi proposti dallo SMD:

1. Anticipo promozione a maresciallo capo:



Riduzione della permanenza minima nel grado da maresciallo ordinario a maresciallo capo (da 7 a 6 anni);

2. Anticipo promozione a primo maresciallo:

Riduzione della permanenza minima nel grado da maresciallo capo per la promozione a primo maresciallo (da 8 a 7 anni);

3.  (Non sancito nel documento consegnato ma riferito verbalmente) Riduzione di 1 anno ai primi Marescialli – 8;

4. Periodi minimi di comando attribuzioni specifiche:

5. Riduzione dei periodi minimi di comando, attribuzioni specifiche, di servizio o di imbarco prescritti in funzione delle riduzioni delle permanenze stabilite dal riordino e correttivo;

6. Anticipo promozione sottufficiali musicisti:

Riduzione dei periodi di permanenza dei sottufficiali del ruolo musicisti in coerenza con le riduzioni di permanenza previste per il personale del ruolo Ispettori;

7. Sottufficiali Ruolo d’onore richiamati in servizio:

Estensione norma che attribuisce il grado di luogotenente ai primi marescialli con la precedente qualifica di luogotenente anche al personale del ruolo d’onore richiamato in servizio;

8. Disciplina transitoria delle promozioni dei Marescialli:

Adozione fino al 2022 compreso, la promozione ad anzianità al grado di luogotenente per i primi marescialli precedentemente valutati a scelta secondo la disciplina ante riordino.

Riduzione, dal 2020 al 2023, dei tempi per la valutazione dei sottufficiali che per effetto dell’anzianità al primo gennaio, verrebbe altrimenti inserito in aliquota di valutazione 364 giorni dopo la maturazione del requisito previsto.

8. Estensione della disciplina transitoria delle promozioni al grado di luogotenente prevedendo fino al 2029 la promozione al 75%, in ragione dell’incremento numerico delle aliquote causato dalle riduzioni nelle permanenze introdotte nel correttivo.

MISURE ULTERIORI

1. Attribuzione qualifica speciale:

– Snellimento della procedura per l’attribuzione della qualifica speciale (requisiti accertati dalla DGPM E non dalle commissioni) con conseguente riduzione dei tempi tecnici per le decretazioni.

2. Promozioni per il personale cessato dal servizio:

– Tutela per il personale cessato dal servizio nel periodo compreso tra l’inserimento in aliquota di valutazione di avanzamento ad anzianità e le emanazioni del decreto di promozione prevedendo in caso di Don età, l’attribuzione della promozione al grado superiore, comunque con decorrenza anteriore alla data di cessazione.Estensione dell’istituto della promozione onorifica anche al personale deceduto, ovvero in idoneo al servizio per infermità non dipendenti da causa di servizio.

3. Tutela della maternità

– previsione per il personale femminile in stato di gravidanza, in caso di partecipazione ai concorsi per gli arruolamenti delle forze armate, l’ammissione di ufficio al concorso successivo, anche oltre il limite di età stabilito.

4. Assegno per il personale apicale

– emanazione di un assegno una tantum in favore del personale che non beneficerà di alcuna riduzione di anzianità, introdotta dal correttivo, per il conseguimento della posizione apicale del rispettivo ruolo.

5. Tutela per il personale con idoneità parziale al S.M.I.

– Per il personale con idoneità parziale al servizio militare incondizionato a seguito di ferite o lesioni dipendenti da causa di servizio, la patologia che ha causato la perdita dell’idoneità al servizio militare incondizionato, non costituisce clausola di esclusione dei concorsi interni per il reclutamento dei marescialli.

Conclusioni

I Marescialli hanno manifestato durante l’illustrazione dei correttivi da parte dello SMD, l’insoddisfazione generale del risultato prodotto, ad oggi e con ferma e decisa volontà continueremo a far valere le nostre prerogative in tutte le sedi opportune anche al costo di chiedere al Parlamento il ritiro della delega, per salvaguardare la dignità di tutti i Marescialli e non solo dei pochi.

Ad oggi, nonostante l’impegno che il Ministro della Difesa pro tempore abbia dato ampie assicurazioni, innanzi al Presidente del Consiglio il 24 maggio ultimo scorso, un ulteriore stanziamento di 200 Milioni di Euro per finanziare un correttivo più vicino alle nostre esigenze. Il Presidente del Consiglio, in quella sede manifestò la volontà di interessarsi personalmente ad inserire nella legge di bilancio un ulteriore stanziamento di risorse, delle quali non troviamo oggi riscontro.

Roma 26 settembre 2019
I delegati del Comparto Difesa
FANIA Oreste A.M. MICCICHE’ Salvatore E.I. NITTI Leonardo E.I. CICALA Marco A.M.





Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione

Lascia un commento