Cocer Esercito: licenza straordinaria per gravi motivi per chi è costretto a rimanere a casa con i figli

Il Cocer Esercito chiede il riconoscimento della licenza straordinaria al personale militare che non riesce a gestire la prole a causa dell’emergenza provocata dalla diffusione del coronavirus.

I delegati dell’Esercito auspicano che venga redatta una direttiva volta a disciplinare la posizione amministrativa del personale che , per causa di forza maggiore, sia costretto a rimanere a casa per assistere i propri figli.



La richiesta del Cocer è rivolta alle famiglie in cui entrambi i coniugi , facenti parte del sistema di prevenzione e protezione nazionale, come poliziotti, medici, paramedici etc. e siano residenti nella stessa sede di servizio, o comunque in sedi interessate da emergenze come quella in atto, siano messi in condizioni tali da poter accudire la propria prole.

Quando uno dei due coniugi è interessato da attività lavorativa indifferibile, come ad esempio sta avvenendo nel caso del coronavirus  , e che per comprovati motivi ( chiusura scuole etc.) , l’altro coniuge sia  costretto a rimanere a casa per accudire i propri figli, la direttiva interverrebbe in aiuto di quest’ultimo genitore permettendogli di fruire di giorni di licenza straordinaria. 

Sono molti i militari che stanno fruendo della propria licenza ordinaria – sostengono i delegati del Cocer – perché non esiste alcuna direttiva che disciplini tali situazioni e non ravvediamo altra soluzione se non quella di convertire le richieste di licenza ordinaria, a far data dallo scorso 24 febbraio 2020, in licenza straordinaria per gravi motivi.

Di seguito la delibera integrale





METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…

Condivisione

Lascia un commento