Carceri italiane nel caos. Detenuti in rivolta in tutta Italia. In 6 muoiono per mix di farmaci

Dopo il Dpcm recante ulteriori misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19, nelle carceri italiane è esplosa la protesta dei detenuti. Ai carcerati era stata tolta la possibilità di ricevere le visite dai familiari.

Nel carcere di Foggia, durante la protesta, alcuni detenuti erano riusciti a fuggire, ma sono stati ripresi dalle forze dell’ordine. Sei detenuti sarebbero morti in seguito all’assunzione indiscriminata di medicinali reperiti nell’infermeria delle carceri.



Nel carcere di San Vittore , a Milano, alcuni detenuti sono riusciti a salire sul tetto ( guarda il video QUI) Altre proteste sono scoppiate a Salerno, Modena, Napoli, Frosinone, Vercelli e Alessandria.Di seguito il comunicato stampa dell’ Associazione Nuova Difesa:

Rivolta detenuti, Nuova Difesa: «Episodi gravissimi, agenti non siano abbandonati»

«Quanto accaduto a Modena, Frosinone, Pavia e Napoli è gravissimo. Non si può, approfittando di una emergenza nazionale, inscenare una rivolta simile».

Lo dichiarano Celestino D’Angeli e Patrizia Massimini, presidente e vice presidente dell’Associazione Nuova Difesa.



«Ieri sera a Torre del Gallo, casa circondariale di Pavia, due agenti sarebbero stati sequestrati. Impedire i colloqui con i parenti – proseguono – rientra nelle misure di prevenzione messe in atto per l’emergenza coronavirus. E’ un provvedimento a tutela dei detenuti e del personale. Questi episodi sono gravissimi, stanno avvenendo di frequente in tutta Italia e pongono a serio rischio l’incolumità degli agenti di polizia penitenziaria e di tutte le forze di polizia intervenute, alle quali – concludono – va la nostra piena solidarietà».

Roma, 09 marzo 2020 Dott.ssa Elena Ricci





METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI


Condivisione

Lascia un commento