Carabiniere fa provare la pistola d’ordinanza a minorenne. Radiato dall’Arma

Avrebbe fatto provare la propria pistola d’ordinanza ad un tredicenne e per questo motivo la sua carriera nell’Arma dei Carabinieri è terminata nel peggiore dei modi.

Ma la vicenda, che risale al 2012, è ben più complessa. Quel bambino in verità era il fratello minore di quella che all’epoca era la sua ragazza .

In un giorno come tanti altri, il militare avrebbe messo in mano al ragazzino di 13 anni la sua arma di ordinanza e gli avrebbe fatto esplodere pure un colpo.




Quando però la relazione tra i due fidanzati iniziò ad incrinarsi,  cominciarono i primi problemi giudiziari, fino ad arrivare ai giorni nostri con la radiazione dall’Arma dei Carabinieri.

Inutili i tentativi di difesa del 42enne. Malgrado abbia sempre negato di aver commesso un’ingenuità del genere, sarebbero emerse prove, come alcune foto scattate dentro la sua auto e in un luogo all’aperto, che ritraggono l’allora minorenne con la pistola in mano.

Da quanto riporta il Quotidiano di Puglia, lo scorso 19 novembre è arrivata la sentenza di condanna in primo grado. Il giudice di Teramo gli ha comminato ben otto mesi di reclusione, oltre a 500 euro di multa e 2mila euro di risarcimento alla famiglia del minore, oggi divenuto maggiorenne, ma non è tutto.

Quando la storia tra i due ebbe fine,l’uomo fu anche processato e condannato prima dal Tribunale di Ascoli e poi in appello, a 3 anni e 6 mesi per sequestro di persona e lesioni proprio ai danni della ex ragazza.




loading…



METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI, OPPURE SEGUICI SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione

Lascia un commento