Agente rischia di essere punito per un’intervista. L’amministrazione: è un bravo poliziotto

Aveva donato il proprio stipendio agli ospedali di Vercelli, Bergamo e Messina e stava rischiando il procedimento disciplinare.

Antonino Lollo stava rischiando la “punizione” perchè aveva rilasciato un’ intervista senza l’autorizzazione della Questura.



Il procedimento disciplinare però è stato annullato. Il poliziotto e atleta messinese è stato definito  dalla stessa amministrazione “un bravo poliziotto”.

Soddisfatto il sindacato della Polizia di Stato FSP:

È grande la nostra soddisfazione: accogliendo pienamente la nostra tesi, il Compartimento Polizia Stradale per il Piemonte e la Valle d’Aosta ha annullato la contestazione degli addebiti disciplinari che aveva inviato all’agente e atleta messinese, residente nella bergamasca e in servizio a Vercelli.



Come si ricorderà Antonino si era distinto, mentre si trovava in malattia per sospetto contagio da Covid-19, per aver donato il suo non certo lauto stipendio da poliziotto agli ospedali dei vari luoghi della sua vita, cosa di cui si sono interessati i giornalisti conosciuti in per la sua attività sportiva.

A causa di una serie di disguidi alla d.ssa Rucci erano giunta notizie infondate su come erano andate effettivamente le cose e non possiamo far a meno di compiacerci con una Dirigente che ha avuto la prontezza e la linearità necessarie ad individuare e riconoscere autonomamente l’errore.

I nostri migliori auguri di buon lavoro vanno dunque al collega, che potrà tornare ad essere sereno come merita e alla sua Dirigente, che ha dimostrato come la vera autorevolezza dirigenziale non sta nel cercare di imporre la forza senza diritto, ma nell’essere giusti, equi e capaci di cambiare idea.


METTI UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FB, CLICCA QUI. SIAMO ANCHE SU TELEGRAM, ENTRA NEL NOSTRO CANALE, CLICCA QUI

Loading…






Condivisione
Metti un like alla nostra pagina facebook, Clicca QUI. Ci trovi anche su Telegram, Clicca QUI. (Se non hai Telegram, Clicca QUI)
Loading...

Lascia un commento