Aeronautica: due militari finiscono sotto inchiesta per le “beggiate” irregolari

Pisa. La Procura militare di Roma sta indagando su due militari in forza alla 46^ Brigata Aerea con l’accusa di truffa aggravata. Nell’occhio del ciclone sarebbero finiti due marescialli. Tutto è iniziato qualche tempo fa in seguito ad una segnalazione anonima .

Ai due militari viene contestata una mancata rilevazione delle uscite dal posto di lavoro, facendo risultare la loro presenza all’interno della base militare mentre erano altrove. Le indagini dovranno chiarire se realmente vi siano stati illeciti.

Cosa rischiano i due militari



Qualora le accuse venissero confermate, i due militari dovranno affrontare prima un processo penale di fronte al Tribunale Militare, ed in seguito dovranno vedersela con la Corte dei Contri per “danno erariale”, ovvero un processo che dovrà stabilire la somma che i due dovranno restituire all’amministrazione, in virtù delle somme percepite quando invece, per via delle mancate rilevazioni contestate, non erano in servizio. I militari non sono stati sospesi e, probabilmente , qualora le indagini li scagionassero, potranno anche tentare una rivalsa .

Da quanto si apprende da “Il Tirreno” l’Aeronautica Militare in questa vicenda si ritiene parte lesa e se un eventuale processo porterà alla condanna dei due militari, intraprenderà tutte le procedure previste dai regolamenti in vigore. (Continua ⇓)



La 46^ Aerobrigata invece ha confermato che «venuta a conoscenza del possibile illecito, all’epoca dei fatti, ha avvisato tempestivamente la Procura Militare che ha avviato le indagini. Il procedimento non si è ancora completamente terminato. Inoltre, a conclusione del procedimento penale si attiveranno le procedure amministrative e disciplinari interne alla forza armata».

Proprio all’inizio di questa settimana si era appreso di un incursore sorpreso su un suv dell’Aeronautica Militare mentre era in missione presso la 46^ Aerobrigata, anche il quel caso è stata aperta un’ indagine dalla Procura Militare ( leggi QUI)





Loading…


Loading…


Loading…

Condivisione

Lascia un commento