Acquisto F35: per la Corte dei Conti non conviene tornare indietro

ROMA – Sul discusso acquisto degli F35 il Governo italiano non può tornare indietro, soprattutto perché non ci sarebbe alcun risparmio. È quanto emerge dalla Relazione speciale n. 15/2017, approvata nell’adunanza della Sezione centrale di controllo per gli Affari comunitari ed internazionali del 2 agosto 2017.

Come sottolinea in una nota la Corte dei Conti “tale relazione costituisce l’esito di un’indagine sulla gestione della Partecipazione italiana al Programma Joint Strike Fighter – F35 Lightning II, realizzata dalla Sezione in coordinamento con l’Ufficio affari internazionali”.

L’analisi, condotta sull’intero sviluppo del programma, ha tenuto conto delle risultanze evidenziate in occasione delle annuali conferenze internazionali tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi partecipanti al programma ed ha affrontato, non solamente l’andamento dell’impegno finanziario, ma anche l’impatto economico ed occupazionale del medesimo, con riferimento anche all’unità di assemblaggio e manutenzione nella base dell’Aeronautica Militare di Cameri.>Continua a leggere a fondo pagina

Leggi tutto, clicca QUI

Condivisione

Lascia un commento